Paste your Google Webmaster Tools verification code here

E’ morto lontano dalla sua Bologna, a Montreaux in Svizzera, dove si trovava per una serie di concerti. Avrebbe compiuto 69 anni il prossimo 4 marzo.

  Lucio Dalla, che aveva appena partecipato al Festival di Sanremo, è stato uno dei più affermati cantautori italiani e la sua carriera sfiora i 50 anni di attività artistica.

Dunque noi vogliamo ricordarlo con alcune frasi più belle delle sue canzoni, parole che hanno colpito il cuore di ognuno di noi, strofe che a chiunque ricordano un momento, un amore, un risata.

“… Dice che era un bell’uomo e veniva, veniva dal mare…” lui sicuramente non era un bello per antonomasia, ma i suoi testi lo rendevano meraviglioso!

“… A modo mio avrei bisogno di carezze anch’io. Avrei bisogno di pregare Dio. Ma la mia vita non la cambierò mai mai, a modo mio, quel che sono l’ho voluto io…” Una delle strofe più famose di piazza Grande, quella Piazza di Bologna che lui tanto ha amato, così come la sua città.

“… Potenza della lirica dove ogni dramma ha un falso, che con un po’ di trucco e con la mimica puoi diventare un altro, ma due occhi che ti guardano, cosl vicini e veri, ti fan scordare le parole, confondono i pensieri…” Come non ricordare Caruso e quella terrazza davanti al Golfo di Sorrento.

“… Frattanto i pesci, dai quali discendiamo tutti, assistettero curiosi, al dramma collettivo, di questo mondo, che a loro indubbiamente, doveva sembrar cattivo, e cominciarono a pensare, nel loro grande mare, com’è profondo il mare, nel loro grande mare. Com’è profondo il mare!… ” Il mare torna spesso nei brani di Dalla, come qualcosa di imprescindibile, qualcosa che sembra nascondere il senso della vita.

Ma Dalla è stato anche un cantautore dall’ironia dissacrante, unica… come in “Disperato, erotico stomp”:
“… Ti hanno vista bere a una fontana che non ero io ti hanno vista spogliata la mattina, birichina biricò. Mentre con me non ti spogliavi neanche la notte, ed eran botte, Dio, che botte… “

L’amicizia è un altro tema caro a Dalla… e quindi… “Caro amico ti scrivo così mi distraggo un po’ e siccome sei molto lontano più forte ti scriverò. Da quando sei partito c’è una grossa novità, l’anno vecchio è finito ormai, ma qualcosa ancora qui non va… “

Eh sì, caro Lucio, adesso che non ci sei più qualcosa qui non va… ci rimangono tutte le tue canzoni, le emozioni che ci  hai regalato e che per ognuno di noi ti renderanno immortale. Potremmo continuare a lungo a citare canzoni, strofe ed emozioni regalateci dal grande Dalla, ma ci fermiamo qui… perchè siamo un pò smarriti adesso che lui non c’è più…
Se mi permettete vorrei chiudere questo post con una frase della canzone di Dalla che io personalmente amo in maniera folle “se è una femmina si chiamerà Futura. Il suo nome detto questa notte mette già paura, sarà diversa bella come una stella sarai tu in miniatura”.
Arrivederci Lucio e grazie… per tutto ciò che ci hai lasciato. A noi adesso non rimane che aspettare “che ritorni la luce, di sentire una voce… aspettiamo senza avere paura, domani”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi