Paste your Google Webmaster Tools verification code here

“Dj si nasce non si diventa”

L’INIZIO DELLA CARRIERA: “Inizio la mia carriera nel 1976. All’epoca si andava a suonare nelle cantine. E non ci andavamo di sera, ma di pomeriggio. Bastava avere un impianto stereo e il resto non contava: erano momenti di aggregazione. I primi soldi arrivano nel 1979, suonavo alla Cantina Bakoo in Via dei Bardi, il sabato e la domenica pomeriggio”.

RADIO: Ho avuto l’onore di lavorare a RADIO ONE che era la RADIO DJ dell’epoca. Ci ho lavorato fino al 2005.RICORDO: “La prima volta che ho visto mixare era una domenica pomeriggio alla Bussola alle Focette (Versilia). Quando vidi Tom Savarese, il mitico Dj dello Studio 54, che toccava i dischi  e io non riuscivo a capire cosa stesse facendo. All’epoca fare il Dj non voleva dire essere un professionista, voleva dire avere tanta passione per la musica”.

BRANI MUSICALI: 1 DISCO Let’s on Chant Michael Zagar Band; Disco Inferno, Febbre del sabato sera; Esmeralda.

BALLI: memorabile il movimento di Ali Shuffle che ripeteva il balletto di Mohamed Ali quando boxava; il Bump che però è antecedente a quegli anni.

ESSERE DJ: “Dj si nasce non si diventa. Alla base tanta voglia di comunicare. Riuscivano i più volenterosi. Quando ti mettevi a mettere i dischi non è come ora che si mixa, allora dovevi essere bravo ad attaccare un disco all’altro tramite uno strumento simile, una parola…una frase simile”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi